Come scegliere muffole e guanti esfolianti

L’esfoliazione è un’antica tecnica che incoraggia le cellule della pelle vecchie e morte a sgretolarsi e a far emergere nuove cellule della pelle. L’esfoliazione ha l’ulteriore vantaggio di aumentare la circolazione, attirare sangue e ossigeno sulla superficie della pelle e incoraggiare quel bagliore giovane ed energico che è ambito da così tanti. Certo, molte persone esfoliano i loro volti su base regolare anche due o tre volte alla settimana; ma usare un delicato guanto esfoliante nel bagno o nella doccia è un modo comodo e rapido per aumentare il ricambio cellulare delle cellule e avere una pelle sana sul resto del corpo.

Come scegliere un guanto esfoliante

L’esfoliazione rimuove le cellule morte dalla superficie della pelle per migliorarne l’aspetto e prevenire i pori ostruiti e l’acne. Può anche aiutare a combattere i segni dell’invecchiamento rimuovendo la pelle opaca e danneggiata e incoraggiando la crescita di una pelle nuova e sana. I guanti esfolianti sono progettati per l’uso con o senza scrub esfolianti e la maggior parte può essere utilizzata su ogni parte del corpo. Sono particolarmente utili per esfoliare le gambe e altre grandi aree in cui l’uso di una piccola spugna può richiedere troppo tempo e gli scrub possono essere troppo costosi.

  • Scegli guanti che siano leggeri e si adattino comodamente alle tue mani. Evitare guanti molto ruvidi, perché potrebbero danneggiare la pelle. Prova a toccare, se puoi, i guanti prima dell’acquisto per assicurarti che si adattino correttamente altrimenti affidati alle review degli altri utenti se stai decidendo di acquistare online.

Come si utilizzano i guanti esfolianti

Utilizzare un guanto esfoliante è, come abbiamo detto, estremamente utile ma anche molto molto pericoloso per la pelle se non sappiamo bene come usarlo. Diamo un’occhiata veloce alla nostra guida passo dopo passo per capire come utilizzarli.

  • Passo 1 – Bagna tutta la pelle sotto la doccia o nella vasca da bagno in modo che le cellule della pelle siano inumidite e abbiano avuto la possibilità di ammorbidirsi nell’acqua calda.
  • Passo 2 – Metti il ​​guanto sulla mano e bagna le fibre nell’acqua. Applica una piccola quantità di detergente idratante per il corpo sul palmo della mano guantata. Poiché il guanto sarà il principale agente di lavaggio, non avrai bisogno di uno scrub allo zucchero o di un altro prodotto per effettuare uno scrub.
  • Passaggio 3 – Strofina il corpo con movimenti delicati e circolari a partire dai piedi e salendo verso le spalle. Passa alcune volte sull’area della pelle con il guanto, ma evita di strofinare ferocemente in modo da non irritare o abradere la pelle.
  • Passaggio 4 – Strofina un po’ più a lungo intorno ai talloni, alla pelle delle ginocchia e dei gomiti o qualsiasi area soggetta a indurimento e screpolatura a causa dell’esposizione agli elementi.
  • Passaggio 5 – Applica una leggera pressione su aree come la parte interna della coscia, il collo e lo stomaco. Queste aree hanno una pelle molto più sensibile e dovrebbero richiedere solo un paio di passaggi per rimuovere le cellule morte.
  • Passaggio 6 – Risciacqua il guanto e il corpo dopo aver finito di esfoliare.
  • Passaggio 7 – Asciugare immediatamente la pelle dopo essere usciti dal bagno o dalla doccia.
  • Passaggio 8 – Applicare una crema idratante intensiva sulla pelle. In alternativa, applica un olio naturale come cocco, mandorla o olio d’oliva, che darà alla tua nuova terapia di idratazione delle cellule della pelle.

Consigli in più

  1. Esfoliare solo una o due volte alla settimana. L’uso dei guanti esfolianti più spesso o l’applicazione di troppa pressione durante l’esfoliazione può causare irritazione cutanea significativa e peggiorare l’acne e altre condizioni della pelle.
  2. Poiché l’esfoliazione rimuove lo strato superiore della pelle, ti rende più vulnerabile alle scottature e ai danni del sole. Indossa una crema solare ogni volta che esci.
  3. Non conservare i guanti bagnati. Ciò incoraggia la crescita di batteri e funghi e aumenta il rischio di sviluppare un’infezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *